Liguria, liste attesa, Bonsignore: "Imprescindibile il supporto della sanità privata"

Scritto il 06/06/2024
da Redazione

Presidente Ordine medici: "Altrimenti non si garantisce bisogno salute della popolazione"

"Noi immaginiamo un modello che consenta di utilizzare gli ospedali fino a sera inoltrata ma una volta saturata la loro attività, pensiamo che sarà doveroso investire anche in altri contesti come il privato accreditato, nell'ottica di riuscire a garantire cure gratuite a tutti i soggetti in tempi adeguati". A dirlo, a margine di "inVulnerabilia" l'evento di UniGe per una cultura della vulnerabilità, in corso al Palazzo della Borsa di Genona, Alessandro Bonsignore, presidente Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Liguria, che ha commentato le misure annunciate dal governo per le liste di attesa in sanità.

"La discussione e ancora in corso, e quindi vedremo quale sarà la formulazione definitiva che sarà oggetto dell'iter parlamentare - spiega - e in Regione Liguria ci eravamo mossi in anticipo con la cabina di regia guidata da Enrico Castanini, ma sono tantissimi i settori di intervento. Quello che auspichiamo, come Ordine dei Medici, è che il sistema sanitario nazionale venga messo nelle condizioni di essere ottimizzato per un utilizzo al 100%. I dati delle liste di attesa, però, ci dicono che questo non basterà e oggi l'uso della sanità privata in supporto di quella pubblica diventa oggettivamente imprescindibile perché altrimenti non si riuscirebbe a garantire il bisogno di salute della popolazione".