Chiavari, depuratore in Colmata, sindaco Messuti: "Progetto approvato dalla sinistra che oggi lo contesta"

Scritto il 08/07/2024
da Redazione

Il primo cittadino: "Tutto parte con la delibera del 24 febbraio 2017 della Città metropolitana di Genova firmata da esponenti progressisti"

Prosegue la polemica a Chiavari sulla costruzione del depuratore nell'area della Colmata. A seguito dell'intervento del sindaco della Città metropolitana di Genova Marco Bucci che nei giorni scorsi ha ribadito come il progetto non sia in discussione, e dopo che i comitati anti depuratore in Colmata hanno accusato il sindaco Federico Messuti, oggi il primo cittadino di Chiavari risponde al presidente del comitato contrario all'opera Andrea Sanguineti ricordandogli come "la programmazione degli impianti di depurazione è stata decisa con la delibera del 24 febbraio 2017 della Città metropolitana di Genova firmata da esponenti del centrosinistra, di cui Sanguineti è espressione".

"La delibera - prosegue Messuti - malauguratamente firmata anche da Chiavari dall'amministrazione Levaggi - è il pilastro inamovibile che fissa il depuratore di vallata prima al Lido e ora in Colmata per 11 comuni, mettendo la parola fine al progetto Agostino di copertura di Preli".

Messuti ricorda "come l'unica cosa che poteva fare l'amministrazione era trattare sulle opere pubbliche ottenendo per Chiavari un parcheggio interrato e una nuova passeggiata sul fronte mare, finanziate con oltre 35 milioni. L'iter del progetto del depuratore è alle battute finali".